Ispezione e manutenzione scaffalature
Add comments | 2 comments

30/04/2016

Premesso quanto disposto dal dlgs 81/08 ed in particolare dagli art. 64 punti c ed e, dall’art. 192 comma 1 lettera f ed dall’allegato V punto 11.1, il datore di lavoro deve garantire nel tempo l’idoneità delle attrezzature di lavoro e dei relativi dispositivi di sicurezza, previa registrazione delle operazioni di controllo/manutenzione, allo scopo di garantire la sicurezza dei lavoratori.

In base a questo, anche gli scaffali e l’ambiente nel quale si trova il sistema di stoccaggio devono essere sottoposti a ispezioni regolari, oltre alle ispezioni specifiche in caso di danno verificatosi sull’impianto. La qualifica della persona che esegue il controllo potrebbe incidere sull’efficacia del controllo stesso e sulla condivisione del rischio derivante da possibili incidenti attribuibili alla mancata o scorretta esecuzione del controllo.

Io sono organizzato ed attrezzato per offrire il servizio di ispezione, fornitura ricambi, manutenzione delle scaffalature di ogni marca, continuativo nel tempo e registrato in una base dati.

A seconda del numero e dell' ampiezza delle aree Vengono emessi tutti o una parte dei seguenti documenti:

  1. il lay-out generale in scala con la posizione e gli attributi delle scaffalature;
  2. il report della statistica delle non conformità per reparto (riepilogo);
  3. il report delle non conformità ordinata per rilevanza (per il Responsabile);
  4. il report delle non conformità ordinata per reparto (per la squadra di riparazione);
  5. la lista dei ricambi necessari ordinata per fornitore con gli eventuali prezzi per l' Ufficio Acquisti;
  6. la lista dei ricambi necessari già presenti in stock interno dell' azienda;
  7. la/le lettere di richiesta offerta ai fornitori per i ricambi;
  8. la/le lettere di richiesta offerta alle squadre di montatori per le riparazioni

Con la mia esperienza diretta ventennale nel settore delle scaffalature, in aggiunta al servizio di ispezione, classificazione, preventivazione e riparazione delle non conformità, verifico anche le portate nette effettive  dello scaffale (che cambiano in relazione al primo livello di carico ed alla lunghezza del filare di scaffali) in conformità con i manuali tecnici dei seguenti fornitori:

Armes, Fortezza, Metalsistem, ModulBlok, Rosss.

Le normative di riferimento sono le: UNI-EN-15620, UNI-EN-15629-2009, UNI-EN-15635-2009, FEM 10.2.04

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Servizio di ispezione delle scaffalature
Servizio di riparazione delle scaffalature

Nella Sezione DOWNLOAD PUBLIC trovate la scheda prodotto da scaricare liberamente

Potete richiedere l' offerta personalizzata per i vostri magazzini VIA MAIL

Registrandovi nell' AREA TECNICA, una volta ottenuti i diritti di accesso, potete scaricare l' offerta economica standard

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Nel commento successivo sono dettagliate le modalità e le condizioni del servizio.

*title: manutenzione scaffalature ispezione scaffalature


Resources:

foto gallery - guarda le foto

Related posts:

12/01/2012 - Passione Logistica

28/01/2014 - Baratto

13/09/2015 - Gli incastri delle scaffalature

Comments by users:
Posted by admin at 11/06/2016 17:05

SERVIZIO DI ISPEZIONE DELLE SCAFFALATURE


ServizioPg1

ServizioPg2
CondizioniDiFornituraService

Torna su

Posted by admin at 11/06/2016 17:05

LA RIPARAZIONE DEI MONTANTI DANNEGGIATI



Oggi grazie ad una tecnologia olandese è possibbile raddrizzare gli elementi strutturali di una scaffalatura (montanti e traliccio spalla)

senza dover scaricare nè smontare parte del magazzino.

Ovviamente vi sono dei limiti oltre ai quali la riparazione non sarà possibile; con un sopralluogo gratuito dove verranno utilizzati degli strumenti di misurazione appositi, vi potremo dire quali elementi sono riparabili ed eventualmente quali no.


montante prima e dopo


Se avete avuto modo di discuterne con il vostro Fornitore di scaffalature, vi sarete resi conto che negli ultimi dieci anni sono state adottate regole sempre più stringenti per il dimensionamento dei magazzini.

L' Europa ha emesso delle nuove norme tecniche che gli stati membri hanno recepito :

  • UNI_EN 15629/2008 sulla progettazione funzionale e responsabilità di fornitore ed utilizzatore;
  • UNI_EN 15512/2009 sulla progettazione strutturale dei portapallet;
  • UNI_EN 15620/2009 sulle dimensioni, deformazioni e tolleranze;
  • UNI_TS 11379/2010 sulla progettazione di portapallet sismoresistenti cogente in Italia;
  • FEM 10 2 08 sulla progettazione di portapallet sismoresistenti cogente in Europa;
  • NTC 08 nuove norme tecniche per le costruzioni D.M. 14/01/08 cogente in Italia per le strutture assimilabili ad edifici (magazzini autoportanti e soppalchi);
  • UNI_EN 15635/2008 sulla manutenzione.

La stessa identica scaffalatura che dieci anni aveva una certa portata, oggi, anche se probabilmente è dotata di una tralicciatura e/o un incastro più efficienti, potrebbe essere certificata per una portata addirittura inferiore.

E' evidente che danni anche lievi delle spalle portanti possono ridurre notevolmente la portata residua dello scaffale installato.
Condizione ancora più evidente in caso di scaffalature dimensionate, verificate e certificate per azione sismica.

Capite bene che spendere di più per dotarsi di una scaffalatura di portata, protezione aggiunta e certificazione adeguate all' uso ed alla vostra valutazione dei rischi è perfettamente inutile se i vostri operatori hanno danneggiato degli elementi strutturali e questi non vengono riconosciuti e riparati o sostituiti.

In caso di incidente il vostro Fornitore od un perito incaricato da terzi potrebbe rilevare il danno pregresso ed in tale caso la colpa ricadrebbe sulla cattiva conduzione dell' impianto.

La riparazione dei montanti e del traliccio spalla mediante questa tecnologia di deformazione a freddo R.O.S. mediante pressopiega idraulica in loco è certificata ai sensi delle norme TRBS1203, BGR234, DIN_EN 15635 dopo aver effettuato presso i laboratori DEKRA molte prove di deformazione e riparazione anche consecutive misurando la portata residua.

Tutto il processo di identificazione, classificazione e riparazione è codificato in un manuale della qualità che garantisce la tracciabilità degli eventi attraverso il rilascio di protocolli nonchè la marcatura degli elementi riparati.


Torna su